Spasticità nel paziente con ictus

La spasticità nel paziente con ictus

Una delle principali sfide che il paziente con ictus si troverà ad affrontare è proprio quella della spasticità: questo anomalo ed eccessivo aumento del tono muscolare è un disturbo che affligge, anche se in misura diversa, quasi tutti i pazienti che hanno subìto un ictus. Nonostante nei primi giorni/settimane dopo l’ictus il tono sarà molto […]

movimento normale dopo l’ictus

Ritorno al movimento normale dopo l’ictus

Quando parliamo di riabilitazione dell’ictus intendiamo, in fondo, quel processo attraverso cui guidiamo i nostri pazienti a recuperare un movimento normale dopo l’ictus, quale che sia il metodo che utilizziamo. Eppure, non è così scontato che il terapista conosca il movimento normale: cioè quella serie di movimenti collegati ad un’attività specifica con cui abbiamo tutti […]

Recupero della mano dopo l'ictus

Recupero della mano dopo l’ictus

Il recupero della mano dopo l’ictus (sia esso ischemico o emorragico) spesso può apparire impossibile, un’impresa disperata. La mano di un paziente che ha subìto un ictus, infatti, spesso rimane paralizzata ed insensibile assieme all’intero braccio per un tempo lungo, molto più lungo rispetto ad altre parti del corpo (come la gamba o il viso). […]

Attività in stazione eretta dopo l’ictus

Attività in stazione eretta dopo l’ictus

C’è un’ampia scelta di attività in stazione eretta che possono essere eseguite dopo l’ictus, ma non sono tutte uguali. Per ogni paziente andrà determinata la più giusta: in base ai suoi progressi motori, ai movimenti che tale attività richiede e alla sua complessità cognitiva. E, ovviamente in base ai suoi interessi! Questa scelta, in seguito […]

Ictus: riconoscerlo, intervenire e prevenirlo

Ictus: riconoscerlo, intervenire e prevenirlo

Che cos’è l’ictus? L’ ictus è causato da un deficit della circolazione sanguigna cerebrale. Un’ occlusione impedisce il normale afflusso di sangue alle cellule cerebrali oppure, in una minor percentuale, una lesione ad un vaso sanguigno causa una emorragia. In entrambi i casi i neuroni, le cellule cerebrali, non ricevono più l’ossigeno necessario alla sopravvivenza […]

Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi